07 Dec

Agricoltori e corso di gennaio alla Zelata – di Kitti Bolognesi

C’è da più di trent’anni, un corso di valore straordinario e per chi lo frequenta rimane un appuntamento irrinunciabile. Perché sa che quelle giornate di studio gli aprono mente, creatività, gli danno energie per affrontare un nuovo anno di lavoro. Sono fonte di incontri indispensabili per verificare il proprio percorso e trovare negli altri gli stessi aneliti di cambiamento.

È alla fine degli anni ’70 che alla Zelata di Bereguardo (Pv), presso l’azienda agricola Cascine Orsine, hanno inizio corsi di formazione biodinamica che proseguono l’attività già presente in Italia dal 1947. Un insieme di attività per i principianti: 10 giorni in marzo tenuti dai bravissimi agronomi tedeschi (come Koepf, Merckens) e dai capisezione italiani (tra cui Enzo Nastati, Marco Bernhard, Gianni Catellani, Angelo Bertea); per i capisezione: una scuola di approfondimento con incontri quasi mensili tenuta, tra gli altri, da Aldo Bargero, Stefano Pederiva; per il movimento biodinamico italiano: un convegno annuale in novembre, frequentato da subito anche da chi sosteneva il nuovo percorso intrapreso per dare cura e salute alla terra. A gennaio: il corso di antroposofia nato perché gli agricoltori avessero la possibilità di conoscere le radici dalle quali è nata la biodinamica, e dalle quali hanno preso vita la medicina antroposofica, la pedagogia steineriana e tutte quelle attività artistiche e terapeutiche che proposte durante le giornate di studio rendono da sempre il corso unico e straordinario. Il prossimo corso si terrà dal 25 al 28 gennaio 2018 con il titolo “Quali valori per affrontare il futuro”. Solo l’elenco straordinario di relatori testimonia che anche questa volta, iscriversi vale la pena.

I relatori: Gigi Bellavita, direttore Rivista Antroposofia e docente linguaggio dell’immagine; Giulia Maria Crespi, ambientalista; Karl-Martin Dietz, economista, fondatore dell’Istituto tedesco di Scienze e della Cultura F. von Hardenberg (da anni tiene in Italia incontri sulla Filosofia della Libertà); Stefano Gasperi, medico antroposofico e segretrio generale della Società Antroposofica in Italia; Don Antonio Loffredo, direttore delle Catacombe di Napoli e attivo sul sociale nel quartiere Sanità; Emanuela Portalupi, medico antroposofico specialista in oncologia, ARESMA; Margherita Puliga, cantante professionista, musico-vocalterapeuta; Salvatore Settis, archeologo e storico dell’arte, Accademico dei Lincei; Laura Tedde, neuropsichiatra infantile antroposofica, Carlo Triarico, presidente associazione biodinamica in Italia, consigliere Demeter ass. Italia; Salvatore Veca, filosofo. Traduzioni: Lucy Milenkovic’, agronoma, azienda biodinamica. Attività artistiche con: Gigi Bellavita, cinema; Malò Dal Verme, cesteria; Sigrid Gerbaldo, euritmia; Francesco Grazioli, scultore e insegnante d’arte, disegno; Margherita Puliga, canto corale; Laura Tedde, l’educazione nei primi tre settenni. In cucina: Hermann Spindler, della Klinik Arlesheim (CH). La cucina è a base di prodotti biologici e biodinamici. Informazioni e iscrizioni: Ass. Biodinamica, via Privata Vasto 4, 20121 Milano – tel. 02 29002544 fax 29000692 info@biodinamica.org  www.biodinamica.org

Link Iscrizione online: www.biodinamica.org/corso-antroposofia-2018

About the Author

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi