19 May

Il questionario del mese: 10 domande sull’introduzione dell’allevamento di ruminanti per la chiusura del ciclo aziendale

L’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica e Demeter Italia, per rispondere alle precise esigenze formative sia delle aziende in conversione sia di quelle che hanno già acquisito la certificazione biodinamica ma devono ancora mettersi in linea con quanto previsto dalle Linee Guida 2018 che prevedono l’introduzione dell’allevamento nelle aziende agricole che hanno oltre i 5 ettari, propongono e invitano tutti gli interessati a rispondere ad alcune brevi domande evidenziando, in particolare, nelle caselle che contengono risposte aperte, suggerimenti, proposte e commenti. 

Il questionario è stato predisposto in collaborazione con il Gruppo Formazione nato all’interno della Sezione Campania dell’Associazione per l’Agricoltura biodinamica.

Per compilare il questionario basta cliccare il seguente link:

https://forms.gle/kkGUN3obqcsujnGSA 

Si ringrazia anticipatamente per la cortese collaborazione!

Si riporta per completezza quanto previsto dalla Linee Guida 2018: 

PARAGRAFO 5.1: ALLEVAMENTO IN AZIENDA
Tale paragrafo recita: “un’azienda che non prevede l’allevamento di ruminanti o di altri animali consumatori di foraggio grezzo non può ottenere la certificazione DEMETER. Nelle aziende orticole e nelle aziende che coltivano colture permanenti si può prescindere dall’allevamento se si rivolge una cura particolare alla preparazione del letame, del composto, alla realizzazione dei sovesci e se vengono usati in modo intenso i preparati biodinamici”.

Tale paragrafo pone grande importanza alla presenza degli animali in una azienda biodinamica; pertanto è intenzione del consiglio rendere la stessa OBBLIGATORIA.

Al fine di agevolare le aziende più piccole si ritiene che la presenza degli animali sia derogabile nelle aziende con un superficie inferiore ai 3 ettari di SAU per le orticole in serra e 5 ettari di SAU per seminativi, ortive e colture permanenti e/o in casi fortemente motivati; inoltre al fine di consentire un ampio tempo di adeguamento aziendale si prevede un periodo , per l’introduzione degli animali, graduale dai 3 ai 5 anni massimo. Per determinare un carico minimo di animali presenti in azienda si considera un valore di 0.2 UBA/ha; pertanto una azienda da 20 ettari dovrà garantire la presenza di almeno 4 UBA (4 bovini adulti o equivalenti).

 

About the Author

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi