13 Mar

L’Atlante della PAC, verso una riforma agricola ecologica

L’Associazione per l’agricoltura Biodinamica fa parte della coalizione italiana #CambiamoAgricoltura e sostiene sia direttamente che attraverso Federbio tutte le iniziative portate avanti dalla coalizione.

Tra queste iniziative durante il workshop che si terrà a Firenze BIO venerdì 15 Marzo alle ore 11.30 dal titolo “DATI, IDEE, BUONE PRATICHE PER UNA PAC AMICA DEL CLIMA – Verso una riforma ecologica della Politica Agricola Comune dell’Unione europea” sarà presentato l’ “Atlante della PAC: dati e fatti della Politica Agricola Comune UE, verso una riforma ecologica” nato per fare comprendere quanto sia stretto il legame tra l’agricoltura e la vita quotidiana di tutti i cittadini, ma anche quanto poco denaro pubblico della PAC viene oggi realmente destinato ad obiettivi di sostenibilità. A livello globale il rapporto dell’IPCC attribuisce al settore primario il 20% delle emissioni di gas clima alteranti. La Coalizione #CambiamoAgricoltura presenterà le sue idee, riflessioni e proposte per una seria e radicale riforma della PAC post 2020 che riduca il contributo dell’agricoltura e della zootecnia ai cambiamenti climatici. Al workshop, dopo i saluti istituzionali di Alberto Bencistà di Firenze BIO e di Alessia Bettini, Assessora Ambiente e igiene pubblica del Comune di Firenze interverranno  Franco Ferroni, Responsabile Agricoltura & Biodiversità WWF Italia, Federica Luoni, Area Conservazione Natura LIPU e Carlo Triarico, Presidente dell’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica.

La Coalizione #CambiamoAgricoltura si è costituita in Italia nel 2017 per monitorare e condizionare processo di riforma della PAC. La Coalizione è promossa da nove Associazioni ambientaliste e dell’agricoltura biologica e biodinamica, con il contributo della Fondazione Cariplo, e l’adesione di oltre 50 Associazioni e comitati locali. Lo scopo della Coalizione italiana è stato fin dall’inizio divulgare le finalità e le criticità della PAC attuale, i suoi impatti negativi sull’ambiente, la società, la salute, proponendo le modifiche ritenute necessarie per un radicale cambiamento dell’agricoltura europea.

Dall’atlante della PAC anche i non addetti ai lavori potranno comprendere che “nessuna politica europea è potenzialmente in grado di incidere sul benessere dei cittadini quanto la PAC” che però  “continua ad incoraggiare un sistema agricolo insostenibile… La PAC post 2020 dovrà essere trasformata da un sussidio perverso ad un motore della transizione ecologica della nostra agricoltura, per promuovere un nuovo paradigma delle produzioni agroalimentari e dello sviluppo rurale, quale contributo concreto per gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite definiti dall’Agenda 2030, sottoscritta dalla UE e dai suoi Stati membri.

Nell’edizione italiana dell’Atlante della PAC, un volume di 19 schede tematiche di testi ed infografiche che illustrano le conseguenze della Politica Agricola Comune sull’ambiente, sul paesaggio, sull’economia e sulla società Europea, 4 schede sono dedicate all’approfondimento della realtà italiana, dalla biodiversità, all’agricoltura biologica e al rapporto tra Rete Natura 2000 e Agricoltura. Questo Atlante, pubblicato in altre cinque lingue europee, è il risultato del lavoro in rete di Associazioni e movimenti che operano per una nuova agricoltura e cerca di spiegare perché sia oggi necessario e urgente impegnarsi tutti per migliorare la PAC post 2020.

L’Atlante della PAC è scaricabile cliccando qui

 

About the Author

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi