19 May

Non cambiamo rotta

di Carlo Triarico

Vi spiego perché possiamo avere speranza. In questo periodo di confinamento e crisi sanitaria i cittadini hanno mangiato spontaneamente molto più cibo biologico e biodinamico. Il termine bio è percepito con chiarezza come valore. Pensateci. Tra le tante informazioni sull’infezione, spesso contraddittorie, non è stata data nessuna indicazione sul valore nutrizionale dei prodotti bio. Nessuno ha nemmeno informato sull’importanza del buon cibo per aiutare l’organismo e rafforzare il sistema immunitario. Eppure la saggezza popolare ormai comprende e sceglie. Del resto i dati sono chiari. Per esempio le analisi pubblicate su riviste scientifiche referate rilevano che i metaboliti secondari, flavonoidi antociani, sono molto più presenti nel cibo biodinamico, anche a livelli doppi. Queste sostanze hanno un effetto positivo sul sistema immunitario e sono antinfiammatori, anti età e antitumorali. Hanno un effetto inibitore persino sulle citochine.

Nessuna informazione arriva ai cittadini nemmeno sulla partita che si gioca sul bilancio UE, di cui l’agricoltura è la prima voce di spesa. La coalizione Cambiamoagricoltura, di cui facciamo parte, si muove per una PAC verde. Confindustria invece ha denunciato all’UE il bio come non sicuro per l’alimentazione e dannoso per la tenuta dell’industria agrochimica. Sapete tutti che il biodinamico è il più attaccato e capite perché. Nonostante tutto ho speranza, perché la popolazione si sta svegliando con maggiore coscienza.

Per questo serve che l’Associazione Biodinamica possa continuare nella direzione presa. I prossimi anni dovremo completare quella crescita, per cui già oggi siamo la più considerata organizzazione culturale di produttori dell’agricoltura ecologica in Italia. Un percorso che porterà a un allargamento dell’impatto della biodinamica sulla società italiana e un aiuto a tutta la bioagricoltura. Se potremo avere il vostro sostegno per continuare ad essere quella forza disinteressata, ideale e pure attiva e intelligente, avremo le condizioni per farcela per tutti.

Sicuramente si addensano interessi per farci cambiare rotta. Sono anche momenti difficili: l’Associazione ha uscite, ma non ha entrate a causa del blocco delle normali attività. Sono sicuro però che ce la facciamo, per portare alla meta il cammino di questi anni e in questo cammino abbiamo sempre avuto a fianco Aldo Paravicini, un amico vero. Ora vogliamo farcela anche per lui.

About the Author

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi