07 Dec

Intervista a Gabriele Bindi autore del libro Cibo Ribelle, presentazione on line il 9 dicembre ore 21:00

Cibo ribelle! Il libro per una rivoluzione a portata di mano
Un nuovo approccio alla terra, alla salute, alla dignità dell’uomo, a partire dal cibo e dalle esperienze di chi lo produce. Il nuovo libro Terra Nuova, scritto da Gabriele Bindi, con i contributi di Franco Berrino, Salvatore Ceccarelli, Carlo Triarico e Vandana Shiva.

La presentazione del libro Cibo Ribelle si terrà Mercoledì 9 dicembre alle ore 21:00 con una diretta Facebook, sulla pagina di Terra Nuova Edizioni.

All’evento che ha per titolo “IL CIBO RIBELLE. Biodiversità, democrazia della terra, diritti e salute: una rivoluzione del gusto dal campo alla tavola” parteciperanno come relatori:

  • Franco Berrino, epidemiologo ed esperto di nutrizione, presidente dell’associazione La Grande Via
  • Gabriele Bindi, autore e curatore del libro
  • Andrea Libero Gherpelli, attore e agri-cultore
  • Manlio Masucci, giornalista e responsabile comunicazione per Navdanya International
  • Carlo Triarico, presidente dell’Associazione italiana per l’agricoltura biodinamica
  • Nicholas Bawtree, direttore della rivista mensile Terra Nuova

L’intera videoconferenza durerà circa 1 ora.

Intervista all’autore

Gabriele, dopo un libro sui Grani Antichi, adesso un libro su cereali, legumi, frutti dimenticati. Cosa c’è di ribelle in tutto questo?
In effetti, tutti oggi parlano di cibo, lo esaltano a suon di effetti speciali, ma il cibo racchiude valori profondi che hanno la forza di scuotere il mondo. Il cibo di cui parlo è quello che nutre senza danneggiare l’uomo e la terra. Perché ribelle? Perché siamo di fronte a un colossale inganno, un gioco di prestigio che bisogna a tutti i costi smascherare. Sembra un grande paradosso, ma proprio quando gli scaffali sono pieni e le dispense traboccano, andiamo incontro anche nel nostro mondo opulento e sprecone a carenze alimentari. E mettiamo a soqquadro gli equilibri planetari, costringendo alla fame o all’emigrazione di miliardi di persone nel mondo. Ormai non è più tempo di aspettare, bisogna ribellarsi. La buona notizia è che lo si può fare stando seduti a tavola: si può, anzi, si deve partire dal cibo. Non c’è scelta più determinante sulle sorti del pianeta, dell’economia, della salute, che mangiare cibo vero, cibo ribelle.

Qual è il legame tra il cibo ribelle e l’agricoltura?
Il cibo deve nutrire, arricchire la nostra vita. Se non esprime più una piena vitalità significa che abbiamo perso anzitutto la vitalità delle piante, dei semi, dei terreni, stressati dalle lavorazioni profonde e da un elevato carico di input chimici. Nel libro parlo dei metodi di coltivazione, delle varietà, della microbiologia del suolo, che gli studi scientifici più recenti rivelano come determinante per la fertilità e per la qualità nutrizionale degli alimenti

Nel libro parli di filiera corta e agricoltura familiare, ma possono le produzioni di piccola scala competere con l’efficienza dei sistemi produttivi industriali?
Siamo di fronte anche in questo caso a una mistificazione. Quello dell’agricoltura industriale è un sistema altamente inefficiente, che sta in piedi solo grazie ai prezzi irrisori delle fonti fossili e al sostegno delle casse pubbliche. Siamo noi, con i soldi delle nostre tasse a permettere all’industria del cibo di poter andare avanti. Se i governi del Nord del mondo non attuassero il sostegno diretto agli agricoltori, l’intero sistema collasserebbe. Se solo le multinazionali e i loro emissari dovessero sostenere i reali costi di produzione e pagare i danni causati da decenni di intenso sfruttamento e avvelenamento dei suoli, crollerebbero tutti i guadagni e scomparirebbero tutte le merci dagli scaffali

C’è un insegnamento dell’agricoltura biodinamica che hai scoperto in questo percorso?
L’ostacolo principale della modernità è dato dalla velocità e dal consumismo, che impongono semplificazioni inaccettabili. A partire dall’uso della chimica in agricoltura, ma anche nell’invito a consumare cibi troppo dolci, grassi e salati. La biodinamica mi insegna che la vita è un qualcosa di molto più complesso. Nel variegato mondo dell’agricoltura biodinamica mi sono sempre sentito a mio agio, trovando accoglienza, rispetto e apertura mentale. Prima ancora che orticoltori, allevatori o vignaioli ho incontrato donne e uomini curiosi di esplorare la vita. Ho percepito gratitudine e umiltà, una propensione alla socialità e una buona dose di spiritualità laica, lontana dai dogmi delle chiese. Se si vuole pensare alla nostra salute, a quella del suolo, e degli altri esseri bisogna ragionare sull’interezza, prima ancora che sulle singole parti. In questo processo, l’agricoltore ha una grande responsabilità. È questo che ho imparato. Ho capito che bisogna rimettersi gli stivali e andare nei campi o con le mani in pasta. È quello che ho cercato di fare nelle varie aziende agricole, fattorie, ma anche nei laboratori di produzione, nei caseifici, nei forni e nei pastifici. Con la scrittura cerco di stimolare questa curiosità per una presa di consapevolezza.

Nel libro ci sono contributi di persone di fama internazionale come Franco Berrino o Vandana Shiva. Tutti allineati per il cibo ribelle, al di là degli approcci diversi?
C’è stata sinergia e convergenza sugli obiettivi di fondo sin dall’inizio. Aggiungo anche i nomi di Carlo Triarico e Salvatore Ceccarelli, fasci di luce che illuminano il mio cammino nel mondo dell’alimentazione, e dell’agricoltura e della biodiversità in genere. Ma anche centinaia di agricoltori che si mettono in gioco con umiltà, impegno e creatività. Gli agricoltori sono i veri rivoluzionari di oggi, le vere avanguardie oggi si trovano nei campi. Ed è in primo luogo a loro che va tutto il mio riconoscimento.

Il libro
Il cibo ribelle, di Gabriele Bindi, Terra Nuova Edizioni, 300 p. con foto a colori.

http://www.terranuovalibri.it/ciboribelle

 

About the Author

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi