08 Jun

XXXV Convegno Internazionale di Agricoltura Biodinamica: Innovazione e ricerca. Alleanze per l’agroecologia.

Il 16 e 17 novembre 2018 al Politecnico di Milano si terrà il XXXV° Convegno Internazionale di Agricoltura Biodinamica con un incontro introduttivo al convegno il 15 novembre al Salone d’Onore dell Triennale di Milano.

Al centro del convegno la ricerca e l’innovazione nel campo dell’agroecologia, di cui la biodinamica è stata la prima proposta negli anni ’20 del secolo scorso.

Molti gli esponenti internazionali del mondo dell’agroecologia che hanno aderito al Convegno, sia tra coloro che appartengono al mondo accademico e della ricerca che al mondo produttivo, tra questi:

Stephane Bellon:(French Natonal Institute for agricultural Research, INRA, Departement of Science for Action and Development). Agronomo, responsabile del programma Inra sulla ricerca in agricoltura biologica, collegato alla divisione SAD (Sciences for Action and Development), contribuisce al programma su Agroecology for Action. Il suo interesse per l’agroecologia è iniziato nel 1986 con la lettura della traduzione francese di un libro fondamentale di M. Altieri. Questo interesse è stato riattivato durante l’ultimo decennio durante le visite e la partecipazione a congressi in Brasile, il confronto con i colleghi americani (della California e del Nebraska) e le discussioni con studiosi europei interessati all’agroecologia. Ha partecipato al lancio del progetto ISSAE, contribuendo nel contempo a “mappare” l’agroecologia a livello internazionale e nazionale.
http://issae.univ-tlse3.fr/scientific-committee/stephane-bellon/
Volkert Engelsman: Ha studiato economia e ha lavorato per Cargill USA, giocando un ruolo chiave nel mercato alimentare globale industriale, ha viaggiato in lungo e in largo per il mondo e ha visto l’impatto della produzione alimentare sulla società e sull’ambiente. Ha fondato Eosta, fornendo frutta biologica ai supermercati e sviluppando uno schema di trasparenza alimentare chiamato Nature & More – convinto che non ci può essere sostenibilità senza trasparenza. Eosta è ora il principale distributore in Europa di alimenti biologici e del commercio equo e un trendsetter in materia di sostenibilità.
https://nl.linkedin.com/in/volkert-engelsman-08563511

Nadia El-Hage Scialabba Nadia El-Hage Scialabba ha un Master in Scienze Ambientali dell’università di Charleston, USA. Ha lavorato dal 1985 al 2018 per l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) a Roma. Il suo mandato era di integrare le considerazioni ambientali e di sviluppo sostenibile nel lavoro dell’organizzazione, dalle attività normative e politiche, ai progetti nei paesi membri della FAO. Ha introdotto nel 1999 l’agricoltura biologica nella FAO, guadagnandosi l’approvazione unanime dei governi, per poi guidare il programma interdisciplinare di agricoltura biologica durante due decenni.  Durante la sua carriera, ha approfondito le tecniche di misurazione della sostenibilità della filiera alimentare, dei metodi di ‘valutazione di impatto ambientale’ degli anni 80-90, alla ‘valutazione della sostenibilità del settore alimentare e agricolo’ per i Summit della Terra (Rio 92 a Rio 2012), alla più recente ‘contabilità completa’ che tiene conto anche del prezzo ambientale e sociale della filiera alimentare.
https://sustainablefoodtrust.org/true-cost/nadia-scialabba/

Mechthild Knösel: imprenditrice agricola, azienda agricola Rengoldshausen, nelle vicinanze del Lago di Costanza, dove viene praticata l’agricoltura biodinamica su un totale di 190 ettari. Con circa 50 dipendenti in agricoltura, giardinaggio, selezione di semi e marketing, si tratta di una grande comunità agricola. Azienda agricola diversificata si possono individure cinque grandi allevamenti di bovini, allevamento di polli, coltivazione di carote, zucca e di patate in particolare. Il vivaio mantiene un vasto assortimento di verdure in pieno campo e in serra. La vendita avviene attraverso il negozio della fattoria e tramite il servizio di consegna. Rengoldshausen fa parte di un gruppo di produttori che rifornisce la regione di ortaggi biologici regionali attraverso una stretta collaborazione con tre grossisti. L’azienda agricola è aperta a gruppi scolastici attraverso l’iniziativa Lernort farm nell’ambito del Federal Volunteer Service e della Waldorf Education . Attraverso la collaborazione con la scuola di agraria gratuita Bodensee fornisce un contributo sul percorso dei tirocinanti all’agricoltore o al giardiniere.
https://www.rengo.de/unser-hof/

Il programma è in fase di costruzione e appena definito verrà comunicato e messo online sul sito biodinamica.org

Per i ricercatori che intendono esporre il loro lavoro possono aderire alla CALL FOR PAPER compilando qui il form online

About the Author

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi