05 Jun

Convegno sul Paesaggio 30 giugno-1 e 2 luglio 2017

Da “Genius Loci” a “Oasi della nuova Umanità”
la comunità al centro della rigenerazione del paesaggio e dell’architettura.
30 giugno, 1 e 2 luglio 2017

Arcisate (VA), presso La Monda Via Giacomini 26


Scarica il programma e la scheda di iscrizione

La dimensione del Paesaggio è l’ambito a cui più di recente si sta allargando l’interesse di coloro, governanti, amministratori, professionisti e pubblico più ampio, che si occupano della progettazione dell’ambiente in cui la nostra società si sviluppa. Una più matura coscienza si sta sviluppando, nel pensare dell’uomo contemporaneo, del fatto che tutto è collegato intrinsecamente e che ogni manifestazione della vita, ogni attività, anche la più minuta, ha le sue connessioni e ripercussioni con le altre e con il tutto.
Una tale visione organica dell’esistenza e del mondo non accetta più lo sguardo limitato al particolare, appunto al singolo edificio, per quanto pregevole e interessante esso possa essere, alla singola iniziativa di governo o amministrativa, sia in termini spaziali (localismo, provincialismo, nazionalismo), sia temporali (la soluzione al problema immediato che però non risolve alla lunga quello di fondo); ma esige una concezione integrata e più ampia dei problemi e delle soluzioni.
Nel campo dell’architettura e della pianificazione urbanistica si sente il bisogno di considerare il Paesaggio non un mero valore estetico, bensì una componente viva e attiva da comprendere, salvaguardare e riqualificare.
Si sente l’esigenza di rinnovare la concezione storicamente consolidata del paesaggio, aggiornandola a una nuova immagine fecondata da contributi e competenze contigue, come quelle più strettamente botaniche e naturalistiche, quelle antropologiche e sanitarie, quelle agronomiche o quelle pedagogico formative della persona, oltre che quelle classiche di tipo economico e finanziario, sociologico ed etnografico. Il tutto va reso vivo e reale da una rinnovata esperienza percettiva e riflessiva, intuitiva del paesaggio della natura e dell’uomo stesso, superando gli schemi astratti e i modelli teorici e statistici, per introdurre una modalità organica e goetheanistica (nel senso di Wolfgang Goethe: sperimentalmente in divenire e autocosciente), che allarghi l’attenzione alle dimensioni corporee fisiche, psicologiche e spirituali che sono intessute
nella natura dell’uomo e del paesaggio stesso.
In questa chiave è necessario quindi vedere un nuovo modello di paesaggio che non si rivolga più agli antichi, sebbene saggi e preziosi, valori della Tradizione (il Genius Loci degli antichi o le varie forme storiche di organizzazione del paesaggio stesso), ma promuova un sistema di nuovi centri di irradiazione della cultura e della civiltà umana, in cui le attività della campagna, agricole economiche e produttive siano anche in stretta sinergia con la ricerca scientifica allargata e le attività culturali e sociali in senso lato: vere nuove oasi dell’umanità. Il convegno si propone di approfondire tale tema con proposte che si fan forte, da una parte, della concezione della scienza dello spirito di Rudolf Steiner, diretta prosecuzione ed elaborazione dell’impulso goethiano, dall’altra degli apporti delle discipline contigue che fanno capo all’agricoltura biologica biodinamica, alle scienze naturali in chiave goetheanistica e all’architettura organica vivente.

Scarica il programma e la scheda di iscrizione

Per iscriversi compilare la scheda di iscrizione allegata  in ogni parte e inviarla come allegato, insieme alla ricevuta del bonifico di acconto a: info@architetturaorganicavivente.org entro il 10/06/2017
Per informazioni: arch. Stefano Andi tel. 328 3515339

 

About the Author

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi