12 Nov

Franco Ferroni – WWF a difesa della biodinamica e della libertà di ricerca

 
Pubblichiamo volentieri il post Facebook di Franco Ferroni responsabile agricoltura WWF Italia.
AGRICOLTURA BIODINAMICA: STREGONERIA O INNOVAZIONE ?
Ci risiamo..! Ancora una volta un decisore politico viene attaccato pubblicamente per aver dato spazio e credito all’agricoltura biodinamica. Oggi è il turno del Governatore della Puglia, Emiliano, pochi anni fa era toccato al Ministro Martina che aveva introdotto la Biodinamica nel Piano Nazionale per la ricerca e l’innovazione in agricoltura.
Generalmente si denigra facilmente quello che non si conosce o si conosce in modo superficiale. L’agricoltura biodinamica poggiandosi sull’antroposofia può avere alcuni aspetti non familiari per coloro che hanno i piedi ben piantati nel riduzionismo scientifico. La scienza ufficiale ha da tempo mostrato i suoi limiti nella capacità di interpretare la complessità degli ecosistemi, non tanto nella loro struttura ma piuttosto nella loro funzionalità. Come funzioni la natura, e di conseguenza la fertilità del suolo, resta per molti aspetti ancora un mistero. Pertanto davanti alle evidenze scientifiche che confermano che le pratiche tipiche dell’agricoltura biodinamica determinano una maggiore fertilità del suolo, una sua maggiore biodiversità e resilienza, la reazione del mondo accademico dovrebbe essere curiosità e non denigrazione.
Personalmente ci sono vari aspetti dell’agricoltura biodinamica che non comprendo completamente e alcuni su cui esprimo istintivamente scetticismo, ma la mia reazione è appunto una maggiore curiosità e volontà di maggiore conoscenza e comprensione.
Sono convinto che l’agricoltura biodinamica rappresenta la frontiera dell’agroecologia, l’ambito dove è possibile scoprire e sperimentare l’innovazione in agricoltura per superare quel modello nato con la rivoluzione chimica che ha prodotto e continua a produrre danni ambientali incalcolabili.
E’ singolare come l’innovazione sia diventata la nuova parola d’ordine per il settore primario ma verso le pratiche agricole più innovative l’atteggiamento della maggioranza degli addetti ai lavori è la denigrazione. L’innovazione non può essere solo tecnologica ma di processo. La biodinamica è senz’altro un modello di #agricoltura che imita meglio di altri i processi della natura. Andrebbe indagata e conosciuta meglio, investendo in ricerca e formazione. http://www.biodinamica.org/

About the Author

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi