Le radici della biodinamica

B8C3G3hCUAAXcEG
IL NOME “BIODINAMICA” HA DUE RADICI:

“bio” indica che si agisce rispettando le leggi della vita,
“dinamica” sottolinea che si tiene anche conto delle “forze” (o principi organizzatori) che agiscono nelle e sulle sostanze.

Come è nata l’agricoltura biodinamica?

È NATA NEL 1924 COME RISPOSTA DI RUDOLF STEINER, fondatore della medicina e della pedagogia steineriane, a un gruppo di agricoltori che gli chiedeva indicazioni pratiche per risolvere i nuovi problemi di degenerazione delle loro colture causati dall’uso dei prodotti chimici nella concimazione e nella difesa delle piante, dalle nuove tecniche di selezione e di intensivizzazione dell’agricoltura.
Era iniziato il passaggio dall’azienda mista (che produceva tutto quanto le serviva per funzionare) all’azienda specializzata che dipende dall’importazione di input dall’esterno. Da più di ottanta anni il movimento di agricoltura biodinamica – diffuso con successo in tutto il mondo – con i suoi agricoltori e i suoi ricercatori lavora per garantire il risanamento della Terra, il rinnovamento dell’agricoltura e offrire un alimento ricco di forze nutritive a uomo e animali. In Italia IL MOVIMENTO BIODINAMICO ha cominciato a radicarsi negli anni ’30 del secolo passato. Oggi è organizzato con una sede centrale in Milano e sezioni regionali. Nel 1985, a fianco dell’associazione, che prosegue il suo impegno in ambito culturale, formativo, informativo e di ricerca è nata la Demeter Associazione Italia, che ha il compito della tutela del marchio, del controllo e della certificazione delle aziende agricole che producono secondo il metodo biodinamico, verificando la conformità dei prodotti alle Norme Internazionali di Produzione e di Trasformazione Demeter. Da anni l’agricoltura biodinamica dà fertilità alla terra, qualità agli alimenti, salute all’uomo e agli animali. Per diffonderla tra gli agricoltori e far conoscere i suoi prodotti a consumatori e commercianti, l’associazione per l’agricoltura biodinamica organizza corsi, convegni e iniziative culturali. L’associazione, senza scopo di lucro, vive e lavora grazie al sostegno dei suoi soci. Per questo ogni quota associativa è importante per poter proseguire nelle attività di divulgazione. L’iscrizione dà diritto a partecipare alle manifestazioni organizzate dall’Associazione e dalle Sezioni Regionali, ricevere gratuitamente il Calendario delle Semine 2010 di Maria Thun, ricevere il bollettino bimestrale con il Notiziario Demeter, sconti sulle pubblicazioni biodinamiche. Alle aziende associate che richiederanno la prima visita di consulenza sarà chiesto un contributo forfetario di 100,00 €. Le visite successive saranno pagate al tecnico su presentazione della parcella

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi